ADOLESCENZA

GINECOLOGIA DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA
Le bambine prima della pubertà, vengono accompagnate dal ginecologo solitamente dalla madre solo nel caso di vulvovaginiti, che possono essere frequenti, in quanto la vulva è male protetta, le piccole labbra sono di dimensioni minime e la mucosa vaginale, in quanto povera di glicogeno perchè non stimolata dagli estrogeni, e’ piu’ facilmente esposta a processi infettivi.Sintomi più comuni:prurito vulvare, leucorrea e disuria . Una diagnosi accurata contempla oltre all’osservazione  dei genitali esterni anche esami colturali del secreto vaginale  che possono dare al ginecologo delle informazioni precise sull’eziopatogenesi della patologia infiammatoria per la prescrizione di farmaci corretti.
Si parla di Pubertà precoce quando si ha la comparsa dei caratteri sessuali secondari prima di degli 8 anni e di Ritardo Puberale quando vi e’ una assenza dei segni della pubertà a 15 anni , associati spesso a turbe della crescita ossea.    Menarca e’ la prima mestruazione dell’adolescente che solitamente avviene dai 12 ai 14 anni di età. E’normale se i primi cicli mestruali dopo il menarca non sono regolari per l’immatturita del sistema ipotalamo-ipofisi-ovaio e solitamente dopo i primi anni si regolarizzano spontaneamente.
Si parla di Menarca Precoce se la prima mestruazione arriva troppo precocemente intorno ai 9-10 anni e Menarca Tardivo se arriva dopo i 15-16 anni.
Quando la prima visita dallo specialista ginecologo e perche?
Solitamente  per la maggior parte delle ragazze la vera indicazione per la per la prima visita coincide con l’inizio dell’attività sessuale che attualmente si pone intorno ai 14 anni.
Con la prima visita si impara a conoscere meglio il proprio apparato genitale e si ha l’occasione per soddisfare mote curiosità.
Una ragazza si reca spesso dal ginecologo per problemi di acne o eccessiva peluria  legati a problemi ormonali oppure per problemi di infezioni dei genitali esterni per precarietà di igiene intima oppure per l’uso di detergenti intimi inadatti che spesso coincidono con i normali bagnoschiuma. L ’uso di jeans troppo stretti o di perizoma può provocare arrossamento e gonfiore dei genitali esterni con fastidiosi sintomi che tendono a cronicizzarsi. E’opportuno informare le giovani pazienti del rischio di malattie infettive sessualmente trasmesse come l’AIDS , EPATITE B e C,gonorrea e sifilide soprattutto se si frequentano ragazzi che non si conoscono a fondo magari tossicodipendenti, che potrebbero essere portatori di queste malattie. In questi casi è importantissimo avere rapporti sessuali protetti dal preservativo.
Solitamente il motivo principale che spinge una ragazza a volte accompagnata dalla propria madre a recarsi dal ginecologo,è informarsi sulle misure contracettive da mettere in atto per evitare l’insorgenza di gravidanze indesiderate. La pillola anticoncezionale monobasica a basso dosaggio e’ solitamente il sistema contraccettivo piu’adatto per le adolescenti. Occorre fare preventivamente una accurata anamnesi della giovane paziente per assicurarsi che questa non sia portatrice di malattie che controindichino la prescrizione di contraccettivi orali richiedendo alcuni esami del sangue specifici per individuare le pazienti a rischio di trombosi,epatopatie,dislipidemie.. Quando la paziente ha iniziato l’attività sessuale occorre cominciare a fare il PAP TEST come prevenzione dei tumori del collo dell’utero soprattutto in questi ultimi anni in cui sono in aumento le infezioni da HPV(Condiloma virus)
Alcuni HPV(tipi 6-11-16-18) possono causare l’insorgenza di lesione precancerose quali. Displasia di alto grado del collo dell’utero (CIN 2-CIN 3) che possono se ignorate e portare sino al Carcinoma del  collo dell’utero oltre che a lesioni dei genitali esterni(conditomi acuminati).
Esiste la possibilità attualmente di potere sottoporre a vaccinazioni le bambine preadolescenti,  solitamente dai 9 ai 12 anni .La vaccinazione prima dell’inizio dei rapporti sessuali  e’particolarmente vantaggiosa perchè induce una protezione elevata prima di un eventuale contagio.(Target primario).La vaccinazione e’ gratuita e viene offerta attraverso strutture SSN alle ragazze tra i 9 e 12 anni. Target Secondario della vaccinazione tra i 14 e i 26 anni di età efficace soprattutto nelle giovani donne che non hanno ancora avuto rapporti sessuali(non sono ancora venute quindi a contatto con il virus HPV).I componenti dei   vaccini per l’HPV sono del tutto simili al virus, quindi in grado di stimolare una risposta immune,ma privi del materiale genetico in grado di dare  infezione. Il vaccino è composto da tre dosi somministrabili entro un anno.

 

Via Gorani, 1 - Milano - presso CMA
info@ginecologomilano.it
tel 347.4400758 - tel. 02.5463757 -02.860321